brioches-siciliane-col-tuppo

Brioches siciliane col tuppo, una ricetta alternativa e infallibile

Condividi la ricetta, grazie per il tuo gesto!

La ricetta delle brioches siciliane col tuppo non poteva essere mancante all’interno del mio blog di cucina; da siciliana quale sono, non potevo sopportare l’idea di non mostrarvi il simbolo dell’estate siciliana che impazza in fretta: la brioche soffice e profumata da accompagnare al gelato, alle famigerate granite o alle merende e colazioni in compagnia unite ad un ben bicchiere fresco di latte di mandorla (quello buono, denso e pastoso!)

Diciamo che se da una parte non ho potuto rinunciare a questa impresa, dall’altra non intendevo impiegare massicce dosi di uova e burro o strutto (come tradizionalmente dovrebbe essere per la classica e intoccabile “brioscia col tuppo“!), perché ritengo sia un peccato accumulare un botto di Kcal ingerendo solo una brioche. Per queste ragioni ho sfogliato alcuni libri, messo insieme alcune idee, senza far mancare nessuno degli ingredienti, ma cercando di attuare un compromesso buono e accettabile che mi desse (il mio tanto cercato!) un  impasto dolce per le brioches col tuppo, che si è rivelato ideale anche per realizzare molti altri formati, magari da farcire all’interno.brioches-siciliane-col-tuppo

(Clicca sulla foto per la versione in alta definizione)

Questo articolo mi è molto caro perché per arrivare a una ricetta degna di essere tale ho fatto queste brioches siciliane col tuppo un sacco di volte, prendendo un sacco di delusioni e mazzate, perché volevo ideare qualcosa di diverso che non fosse copiato da grandi classici della pasticceria a riguardo; ho letto la ricetta delle brioches (quella generica) di Luca Montersino, a lui devo dei chiarimenti lampanti su come lavorare la pasta brioche! Non solo questo, ma ho dovuto seriamente fare i conti con la matematica; in pasticceria purtroppo non ci vuole solo cuore e passione, ma il millesimo numerico, il cavillo più insignificante conta moltissimo. Altra ricerca importante che ho fatto, sempre documentandomi con la lettura, é stata la giusta misura in grammi e del corpo della brioche e del tuppo: 80 g la base e 12 g il tuppo, in modo che durante il processo di lievitazione non si creino disarmanti mappazzoni pari a dei dischi volanti (a me é successo in precedenza!)

Intanto eccovi la ricetta, con questa dose ci fate circa 12 brioches col tuppo, che una volta fredde possono essere congelate oppure tenute in sacchetti salva-freschezza e consumati nei giorni successivi.

Per festeggiare il successo di questa ricetta, pubblicata per la prima nell’estate 2016, ecco un nuovo, avvincente video che ne illustra tutti gli steps!

Brioches siciliane col tuppo

Ingredienti:

  • 650 gr. Farina di grano tenero “0”
  • 100 gr. Burro morbido
  • 120 ml d’acqua (regolatevi poi ad occhio, affinchè non se ne metta troppa)
  • 2 Uova freschissime
  • 160 gr. Zucchero semolato
  • 1 Bustina di lievito di birra disidratato
  • 1 Bustina di vanillina (molto importante per rievocare il profumo originale!)
  • 1 Pizzico di sale
  • 1 Uovo con latte q.b. per spennellare

Procedimento:

Io ho usato la planetaria, ma la procedura vale sempre e comunque: in ciotola mescolate prima la farina, lo zucchero e il lievito; dopo unite le uova, il burro morbido a pezzetti e la bustina di vanillina. Regolandovi a vista aggiungete 100 ml circa d’acqua e conservatene appena 15-20 ml da aggiungere se risultasse troppo asciutto durante la lavorazione in macchina; incordate l’impasto (giunti quasi a tal punto unite un pizzico di sale), che sia ben compatto e non certo liquido e molle.

Pirlate qualche secondo su un ripiano appena infarinato, poi riponete in ciotola coperta da pellicola fino al generoso raddoppio; trascorso tale termine preparatevi sempre sul banco da lavoro della farina “0” e il piatto di una bilancia, insieme a un tarocco. Prelevate 80 g alla volta, fate un giro di pieghe a tre e formate una palla liscia e compatta, poi schiacciatene appena il centro per adagiarvi il tuppo di 12 g, anch’esso pesato e arrotolato bene con le mani. Lasciate raddoppiare le brioches siciliane col tuppo e poi spennellatele in abbondanza con l’uovo ed il latte (va bene anche solo uovo).

brioches siciliane col tuppo

A forno già caldo cuocete a 180°C fin quando non saranno ben dorate sopra e sotto.

Vi auguro buon appetito e se volete continuare a restare sempre aggiornati seguite L’ANGOLO DELLE PRELIBATEZZE anche su Facebook!

Questa ricetta la trovi anche su Kenwood Club; VOTALA ORA e aiutaci a scalare la classifica di gradimento!

L' Angolo delle Prelibatezze
L' Angolo delle Prelibatezze

Questa ricetta è stata vista 3604 volte!

Condividi la ricetta, grazie per il tuo gesto!

Commenti

commenti